Desenzano

Desenzano del Garda è oggi una vivace cittadina di circa 25.000 abitanti collocata all’estremità sud-ovest del Lago di Garda. Al centro di un ampio golfo delimitato ad ovest dall’altura del Monte Corno e ad est dalla penisola di Sirmione, è in una posizione geografica privilegiata dalla quale si può ammirare il più bel lago europeo nella sua massima estensione.

 

Il toponimo Desenzano deriva dal nome latino di persona Decentius, il proprietario del podere e della villa del IV secolo di cui oggi si possono visitare gli scavi. V’è anche una etimologia di origine popolare: poiché il borgo si distende lungo il declivio collinare il toponimo viene collegato con discesa.

Il Comune assunse l’attuale denominazione nel 1926 quando, nel quadro di riordino delle amministrazioni locali, fu soppresso l’antico Comune di Rivoltella sul Garda (costituito autonomamente almeno dal XIII secolo) e il territorio di questo fu aggregato al Comune limitrofo di Desenzano del Lago. La linea ferroviaria Parigi – Berna – Milano – Venezia – Zagabria, il servizio di corriere esteso anche al Veneto e al Trentino, le regolari linee di navigazione sull’intero lago, il casello autostradale (Autostrada A4 “Serenissima”) e la vicinanza agli aeroporti di Montichiari e di Verona la rendono un nodo di tale importanza che Desenzano può a ragione vantarsi di essere considerata la “capitale del Garda”. Desenzano, quindi, è una località che offre la possibilità di un turismo intelligente, che si proponga di unire al riposo e al divertimento una stimolante ricerca di paesaggi e di affascinanti memorie storico-ambientali. A questo si aggiunge la vicinanza di città ricche di capolavori artistici come Verona, Mantova e Brescia.

 

Immediatamente a sud di Desenzano si estende il più grande anfiteatro morenico d’Italia, che si presta a distensive e salutari passeggiate fra le colline alla ricerca di paesi pittoreschi. Perciò a Desenzano, oltre a riposarsi e godere del comfort di una moderna città dotata di una meraviglioso centro storico pedonalizzato, si possono programmare brevi escursioni per variare il proprio soggiorno.

 

In meno di un’ora di tempo è possibile raggiungere il Monte Baldo (oltre 2.000 metri di quota), passando così rapidamente dalla flora mediterranea a quella alpina. Gli amanti dello sport possono praticare il wind-surf, la mountain-bike, il volo libero, lo sci.

 

Per i giovani e gli instancabili non mancano discoteche e piano bar, mentre i meno giovani possono passeggiare sul lungolago o sotto i portici della centrale piazza Malvezzi. D’inverno il clima è temperato e senza nebbia e d’estate non manca mai il ristoro della brezza che viene dal lago.

Sirmione

Sirmione è posta lungo la penisola omonima che si protende all’interno del lago di Garda per circa quattro chilometri e che divide in due parti la riva lacuale meridionale. Parte del territorio comunale si estende ad est rispetto alla penisola per includere quella di Punta Grò.

 

L’entroterra si estende in direzione delle colline moreniche che cingono la parte meridionale del lago stesso e comprende una parte della zona di produzione del Lugana. Il comune confina a sud-est con Peschiera del Garda e a sud-ovest con Desenzano del Garda. La sezione sul lago confina ad est con Lazise e Castelnuovo del Garda e a nord con Padenghe sul Garda.

Arte, Cultura e Storia

L’area del basso Lago di Garda è stata sede nel corso della storia di insediamenti sin dall’antichità grazie al clima mite e alla fertilità del territorio. Ciò ha reso questa terra ricca di storia e particolarmente appetibile per gli amanti dell’arte e della cultura.

 

Epoca Romana

 

Villa Romana di Desenzano
Appartenne, pare, al cittadino romano Decentius da cui ha origine il toponimo Desenzano. All’ingresso della Villa si trova un museo archeologico. Per gli orari di visita consultate il sito istituzionale del Comune di Desenzano.

Grotte di Catullo a Sirmione
Con il termine “grotte” si intendono i resti di un’imponente villa romana che appartenne presumibilmente a Caio Valerio Catullo (87-54 a.C.), celebre poeta latino. Splendido lo scenario in cui sono immerse le rovine con vista sul lago. Per informazioni chiamate il centro info delle grotte di Catullo: 030916157

 

Fortificazioni Medievali

 

Rocca Visconteo-Veneta di Lonato
Fu eretta intorno all’anno 1000 contro le invasioni barbariche e venne poi ristrutturata dai signori di Milano, i Visconti, nel XV sec. E’ monumento nazionale dal 1912 e oggi ospita il Museo Civico Ornitologico.

Rocca Scaligera di Sirmione
Interessanti le mura e le torri merlate di questo castello voluto da Mastino I della Scala nel 1259. Oggi esso è considerato uno fra i castelli più completi e meglio conservati d’Italia.

Castello di Desenzano
Venne costruito sulle fondamenta di un castrum romano nell’Alto Medioevo. Per la sua posizione privilegiata offre dalla terrazza una splendida vista sul Lago che molti contano tra le migliori sul Garda. Per ulteriori informazioni: Comune di Desenzano.

 

Luoghi Sacri

 

Duomo di Santa Maria Maddalena di Desenzano

Progettata da Giulio Todeschini sull’area dell’antica pieve non venne mai completata.L’interno, con il ciclo pittorico dedicato a Maria Maddalena e un dipinto di Tiepolo, è considerato uno degli esempi più belli del tardo rinascimento nella provincia di Brescia.

Santa Maria Maggiore a Sirmione

Mirabile esempio di architettura quattrocentesca, si tratta di un gioiello all’interno del borgo medievale di Sirmione. Da notare le decorazioni in cotto e la struttura absidale.

Pieve Romanica di S. Zeno di Lonato

E’ la chiesa più antica di Lonato. Ricostruita nel XII secolo sui resti della primitiva chiesa probabilmente risalente al V secolo, conserva di originale l’abside romanica e all’interno tracce di affreschi altomediovali.

Chiesa di San Lorenzo a Pozzolengo

Parrocchiale del 1510 soggetta a vari ampliamenti e rifacimenti nel ‘700. Presenta una facciata di stile neoclassico con ampio finestrone centrale e imponente porta di bronzo. Da notare all’interno l’organo secentesco e le tele del Brusasorci e di Andrea celesti.